Tendenze della Ristorazione nel 2024

5 consigli essenziali dal Deloitte Foodservice Market Monitor.

Gennaio è il momento dei buoni propositi, per questo oggi ricomincio a scrivere su blog condividendo con voi qualche idea su come affrontare i trend della ristorazione nel 2024. Ad ispirarmi sono stati gli spunti interessanti che ho colto dalla lettura del recente Foodservice Market Monitor di Deloitte. Questo report ci offre un’analisi di come si è chiuso l’anno e traccia le prospettive 2024 per i ristoranti italiani e internazionali, delineando trend e strategie per affrontare i prossimi mesi.

Mai più ristoranti senza delivery e take-away

Non possiamo ignorare che la pandemia ci ha lasciato l’abitudine del mangiare a casa e, perché negarlo, anche la comodità di farlo. La ristorazione nel 2024 non può più esistere senza un servizio di consegna a casa efficiente e una proposta ad hoc. Occorre creare menù dedicati al take-away con piatti che sfidano le distanze, cioè pensati appositamente per essere trasportati e magari anche riscaldati a casa, senza perdere l’essenza della cucina che si mangia al tavolo nel ristorate.

Personalizzazione la parola d’ordine della ristorazione nel 2024

Nel mare di dati disponibili, oggi saper navigare può fare la differenza. La ristorazione nel 2024 deve usare  strumenti di analisi dei dati per comprendere meglio i gusti e le preferenze dei clienti. Questo servirà non solo ad ottimizzare il servizio ma anche a creare vere e proprie esperienze di ristorazione personalizzate, oppure offerte mirate ai singoli clienti. Perché un cliente che si sente compreso e coccolato è un cliente che ritorna.

Autenticità, qualità, esperienzialità: le basi del mangiare al ristorante

Concentrarsi sull’autenticità e sulla qualità dei piatti non passa mai di moda in ristorazione. Questo significa selezionare ingredienti di prima scelta, valorizzare le ricette tradizionali, ma saper anche osare con innovazioni che non siano replicabili dai clienti nelle loro cucine domestiche. Cercare collaborazioni con produttori locali, può tradursi in eventi congiunti, menù speciali o iniziative di marketing che avvantaggiano tutti. Ricordarsi sempre di non vendere solo cibo, ma esperienze indimenticabili!

Nuovi format per nuovi stili di vita fuori casa

La società cambia costantemente e il ristorante deve imparare a cambiare con lei. Il 2024 sarà l’anno giusto per inventare nuovi format di ristorazione. Questo potrebbe significare l’apertura di nuovi locali, magari in location inedite, o l’esplorazione di formati ibridi fra negozio di alimentari e bistrot, o caffetterie e punti di ristorazione veloce. L’idea è quella di intercettare i nuovi ritmi di vita dei clienti e assecondare le loro esigenze fuori casa i modi sempre nuovi e sorprendenti.

Ristoratori, attenti alla salute del cliente e a quella del Pianeta

I clienti sono sempre più attenti e informati, la ristorazione deve essere all’altezza. La ricerca di Deloite sottolinea che, oltre ad un crescente interesse per le esperienze di ristorazione premium, le persone sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti e ai benefici di una dieta salutare, con un aumento costante del consumo di prodotti vegetariani e a base vegetale anche al ristorante. Quindi possiamo affermare che la ristorazione nel 2024 dovrà  dimostrare di tenere non solo alla salute del cliente, ma anche a quella del Pianeta.

Insomma, il 2024 si prospetta come un anno di sfide ma anche di grandi opportunità per la ristorazione in Italia. Continuate a seguirmi per esplorare insieme le tendenze emergenti e scoprire questo entusiasmante mondo del foodservice.

Valentina Lanza

Valentina Lanza

Io credo nel cibo come espressione della cultura italiana. Per questo mi appassionano lo studio del Marketing e la Comunicazione del settore Alimentare: comprendere i comportamenti di acquisto delle persone, le storie dei brand italiani del Food, i trend tecnologici e quelli di consumo di cibi e bevande. Seguimi se anche tu condividi con me questa passione!